Site icon Viafoura

Cosa possono imparare le aziende dei media tradizionali da quelle dei social media?

Negli ultimi dieci anni abbiamo assistito all’evoluzione dei social media, da tendenza che teneva in contatto le persone a mezzo di comunicazione probabilmente più importante e influente della società moderna. Più che un modo per condividere foto con gli amici, i social media sono diventati uno spazio per condividere informazioni, scambiare idee e scoprire nuove comunità. Come abbiamo visto da innumerevoli giornali che
non sono riusciti ad adattarsi alla creazione di contenuti online
le aziende dei media tradizionali possono ancora imparare molto dalle organizzazioni dei social media.

Come i social media hanno cambiato i consumi

I social media hanno cambiato non solo il modo in cui interagiamo tra di noi, ma anche il modo in cui i contenuti vengono consumati. Nel bene e nel male, molti utenti vogliono contenuti veloci e digeribili, che abbiano la possibilità di approfondire attraverso un link a contenuti più lunghi o l’opportunità di reagire e discutere con altri membri della community. Detto questo, stiamo assistendo a una crescita della social media intelligence, in cui la maggior parte degli utenti è consapevole di tattiche pigre come il clickbait o i titoli fuorvianti, e proverà emozioni negative nei confronti di qualsiasi organizzazione che tenti di generare attenzione in questo modo.

Un’azienda di media tradizionali può osservare un’organizzazione di social media e vedere che il pubblico vuole contenuti veloci e digeribili e trovare frustrazione nel fatto che gli utenti non condividono i loro contenuti, per quanto digeribili possano essere. Tuttavia, a queste organizzazioni manca un fattore chiave su cui le aziende di social media prosperano.

Le aziende di social media di maggior successo prosperano perché sono in grado di indirizzare gli utenti non solo con contenuti digeribili, ma anche con contenuti che corrispondono ai loro interessi specifici.
contenuti che corrispondono ai loro interessi specifici
. Scoprendo che cosa ogni utente vuole leggere, ama vedere ed è aperto a discutere, le organizzazioni di social media possono curare il feed individuale di ogni utente per fornire un’ondata di contenuti progettati specificamente per lui. Sebbene questo livello di personalizzazione possa risultare estremamente intimidatorio per una piccola startup che non dispone delle risorse di cui dispongono i grandi marchi di social media, la lezione si riduce a un semplice punto.

Conoscere il pubblico

Sfruttando i dati della propria comunità per creare feed di notizie, pubblicità e programmi personalizzati e creando un gruppo di persone che la pensano allo stesso modo e che hanno interesse a discutere e approfondire i contenuti condivisi, le aziende di media tradizionali possono fornire alcuni dei contenuti curati che gli utenti amano sperimentare sulle loro piattaforme di social media preferite.

La personalizzazione può trasformarsi in una strategia di fidelizzazione che forma un’abitudine

Grazie alla creazione di una landing page personalizzata, le organizzazioni sono in grado di creare un comportamento abituale per i loro utenti. Molte delle aziende di social media di maggior successo fanno un ulteriore passo avanti e implementano una sorta di strumento di notifica, come l’icona della campanella presente sia su YouTube che su Twitter, che avvisa immediatamente coloro che hanno effettuato l’opt-in di qualsiasi nuovo contenuto attraverso una notifica push. Funziona non solo come un
una strategia di fidelizzazione efficace
che fa sì che gli utenti tornino a chiedere di più con frequenza giornaliera, ma che aiuta anche a tenere gli stessi utenti informati sulle conversazioni più recenti, in modo che possano contribuire alle discussioni e far crescere la community.

In genere, le persone amano una sorta di routine e familiarità, motivo per cui il riconoscimento del nome, la fedeltà al marchio e la facilità d’uso sono fattori così importanti per il modo in cui le persone scelgono di consumare i contenuti online. Ciò in cui le aziende di social media prosperano è formando abitudini che a loro volta contribuiscono a creare la fedeltà al marchio.. Se qualcuno controlla ogni giorno un determinato account Twitter per le notizie, è più probabile che abbia un’associazione positiva con quella persona e con qualsiasi altro contenuto che possa creare.

In conclusione

Se la qualità di un prodotto è sempre la cosa più importante, i social media stanno insegnando a tutti noi che la quantità ha un peso molto maggiore di quanto le aziende dei media tradizionali pensassero in origine. I tempi dei giornali trimestrali, mensili o addirittura settimanali sono una reliquia del passato, poiché gli utenti vogliono nuovi contenuti on demand ogni volta che sfogliano una pubblicazione. Fornendo ogni giorno qualcosa di nuovo, anche se si tratta solo di un breve trafiletto o di una discussione, le organizzazioni possono dare ai loro utenti un motivo per continuare a tornare e costruire quell’associazione positiva e quella fedeltà a cui tutte le aziende del settore dei media aspirano.

Exit mobile version