Site icon Viafoura

Saltare il pedaggio: Come affrontare i troll esperti di tecnologia

Computer hacker and cyber crime

È l’anno 2022 e le persone si rivolgono ai dispositivi per stabilire un contatto umano. Internet non è mai stato così sociale e con questo traffico in costante crescita arriva un’abbondanza di meravigliosi momenti di connessione… E un numero sempre più alto di troll. Il trolling su Internet è definito come un “comportamento online dannoso” caratterizzato da una provocazione aggressiva o deliberata nei confronti degli altri. Sebbene questo comportamento possa essere (discutibilmente) catartico per la persona che trolla le comunità nell’anonimato, la sua presenza deteriora significativamente la salute e la sicurezza di uno spazio digitale, e quindi la sua fruibilità.

Gli editori grandi e piccoli soffrono allo stesso modo per mano dei troll. Sono esperti di tecnologia, quasi sempre anonimi e con un’abbondanza di tempo a disposizione per diffondere tossicità, sono una forza da tenere in considerazione. Cosa c’è di peggio? Sono qui per restare.

Invece di arrendersi, ecco alcune tattiche di trollaggio a cui prestare attenzione e cosa si può fare per evitare il pedaggio e proteggere la propria pace.

Conti multipli

I troll sono ossessivi, petulanti e persistenti. Se vi trovate improvvisamente di fronte a un’orda di troll, tenete presente che potrebbe trattarsi di una sola persona, in missione, che utilizza molti account. I troll hanno il tempo e la tecnologia per invadere gli spazi, eludere i ban e infangare le buone vibrazioni guadagnate con fatica dalla vostra comunità. Come posso risolvere il problema? – Una volta conosciuto il comportamento di un troll, è possibile individuarlo in libertà (sotto le mentite spoglie di un nuovo utente) mentre scatena risse o incoraggia opinioni incendiarie. Questi recidivi lasciano indizi che indicano la loro identità. Armati degli strumenti e dei dati della vostra comunità, cercate nomi simili, e-mail, avatar o indirizzi IP collegati a divieti esistenti. Controllate, confermate e poi bandite tutte le volte che è necessario.

Odio e volgarità

I troll hanno bisogno di attenzione e il linguaggio offensivo è un modo semplice per ottenerla. Nel 2019, circa un terzo dei post in cui si sono imbattuti i moderatori di Viafoura conteneva espressioni di odio e/o volgarità. Si tratta di quasi 83 milioni di tentativi di essere cattivi senza motivo, quindi possiamo almeno riconoscere ai troll il merito di essersi dedicati al loro mestiere… Ma non un buon credito, per essere sicuri. Come posso risolvere il problema? – A L’elenco delle parole vietate può aiutare a limitare questa particolare tattica, ma alcuni troll possono utilizzare una tattica chiamata “mascheramento”. I troll mascherano le parole vietate con simboli, grafie verticali, punti, ecc. per eludere un semplice elenco di parole vietate. Se non siete sicuri di cosa cercare, fidatevi: una volta che avete visto, non potete non sapere cosa cercare. Un’intelligenza artificiale più sofisticata per l’elaborazione del linguaggio naturale, come quella di Viafoura, è in grado di individuare le parole mascherate e di bloccarle con una precisione superiore al 90%.

Suggerimento bonus: molti fornitori di servizi affermano di avere l’intelligenza artificiale o la moderazione automatica, ma in realtà non sfruttano l’elaborazione del linguaggio naturale o l’apprendimento automatico per comprendere le variazioni delle parole e delle strutture delle frasi. Verificate con il vostro fornitore di moderazione che lo strumento sia in grado di apprendere come i moderatori approvano o bloccano i commenti, formando ulteriormente l’algoritmo, che dovrebbe essere personalizzato in base alle vostre linee guida.

Segnalazione seriale

La moderazione da utente a utente può essere un valido strumento di sicurezza, ma ha anche un potenziale di abuso. Alcuni troll utilizzano la funzione di “flagging” per mettere a tacere o frustrare utenti innocenti. In alcuni casi, la segnalazione seriale può persino comportare un ban ingiusto per persone che non hanno violato alcuna linea guida. Se un utente segnala spesso e la maggior parte dei contenuti segnalati non viola le linee guida della comunità, potreste avere per le mani un troll.Come risolverlo? – Utilizzate i dati e lavorate con la vostra comunità. Considerate questo incentivo per essere coinvolti nella vostra comunità e conoscere chi sono i vostri collaboratori positivi. Chiedere agli utenti fidati le loro opinioni e le loro esperienze con il sospetto troll vi aiuterà a riconoscere subito i falsi reporter.

Avere a che fare con i troll non è sempre facile e non è mai un’esperienza divertente. Purtroppo sono qui per restare e, se non controllati, possono trasformare il vostro spazio digitale in una comunità tumultuosa e piena di conflitti, cosa che non volete sia associata al vostro marchio. Dotandoci di conoscenze, strumenti e consapevolezza adeguati, possiamo tenere a bada i troll e utilizzare gli stessi metodi di moderazione per evitare che si sviluppino comportamenti tossici da parte degli utenti anche senza che i troll alimentino le fiamme.

Per saperne di più sulla suite di strumenti di moderazione di Viafoura, visitate il sito https://viafoura.com/content-moderation/.

Exit mobile version